8. VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO; MACCHIE DI SERRAMONDA; PARCO COCUZZO; GROTTE DI MARCELLINARA; FIUME AMATO; SERRA DELL’ACQUA; RIQUALIFICAZIONE E AMPLIAMENTO AREA CIMITERIALE

Le esigenze di impresa necessitano di una pianificazione di sistema ed integrata e di adeguati spazi ed infrastrutture per lo sviluppo di una economia compatibile con le urgenze ed esigenze delle attività economiche del territorio. Le priorità ora per Marcellinara, per la zona produttiva di Serramonda, sono soprattutto di tipo infrastrutturale.
Grazie al Piano Strutturale Comunale, ormai prossimo alla definizione, Marcellinara sarà dotata di uno strumento urbanistico capace di gestire l’eccessivo consumo del territorio con la pianificazione di programmi atti a governare i nuovi processi edificatori e a riqualificare le parti di tessuto ancora incomplete, per favorire il rilancio socio-economico e lo sviluppo sostenibile del territorio comunale.
Al fine di rendere appetibile ed attrattiva l’area di Serramonda, per riqualificare tutta quella zona produttiva lungo la dorsale dei Due Mari, appare ineludibile portare a conclusione la vertenza sugli usi civici con il privato Sanseverino al fine della sistemazione delle viabilità interna alla zona e la successiva acquisizione da parte del Comune. Solo nel momento di tale acquisizione formale il Comune, diventando proprietario delle strade di collegamento interne alla zona di Serramonda, potrà proporre progetti di riqualificazione infrastrutturale per ciò che concerne pubblica illuminazione, depurazione, rete idrica. Soprattutto, in questo modo, potrà essere definito un piano di viabilità nell’area, individuando percorsi obbligatori per i mezzi pesanti in transito attraverso il ripristino di vecchi tracciati interpoderali presenti. Al momento, infatti, la viabilità interna è ad esclusiva responsabilità del privato soggetto proprietario.

Macchie di Serramonda. Nel novembre 2018 con sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro, il Comune di Marcellinara è rientrata definitivamente in possesso delle “Macchie” di Serramonda: più di 6 ettari di terreno, nell’area antistante la strada statale dei Due Mari, dopo una vertenza con un privato che durava da oltre 60 anni.
La riqualificazione dell’intera zona di Serramonda passa, dunque, dalla valorizzazione delle terre di Serramonda. Gli interventi nell’area, dopo i rilievi tecnici che definiranno confini e consentiranno di procedere anche ad ulteriori acquisizioni di terreni demaniali, saranno focalizzati sulla valorizzazione determinata dall’utilizzo di energie alternative rinnovabili e la previsione di insediamenti produttivi, anche legati al riciclo e riuso delle frazioni di rifiuti (carta, cartone, vetro, plastica, alluminio, acciaio, tessuti, legno) che attraverso il conferimento presso i consorzi di filiera (RICREA; CiAL; COMIECO; RILEGNO; COREPLA; COREVE) possono determinare un guadagno anche per l’Ente, nell’ottica sempre di “rifiuto” inteso quale “risorsa”.

Parco Cocuzzo. La valorizzazione del Parco Cocuzzo passa, innanzitutto, dalla realizzazione dei servizi di elettrificazione per l’area e l’erogazione della fornitura idrica. In questo modo, potranno essere riqualificate e potenziate le due aree pic-nic esistenti e potranno essere realizzati percorsi di trekking lungo i sentieri del bosco presente. Appare, altresì, urgente l’approvazione di un piano di assestamento forestale e di gestione dei boschi anche in chiave sicurezza per prevenire gli incendi boschivi, e la valorizzazione naturalistica dei particolari “calanchi” che ne contraddistinguono il paesaggio.

Grotte di Marcellinara. Valorizzazione a fini escursionistici, in collaborazione con il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, del Complesso carsico dei Gessi di Marcellinara, noto da diverso tempo, ed usato per le esercitazioni relative alle attività di soccorso speleologico. A Marcellinara, infatti, è presente un discreto affioramento di gessi appartenenti alla “Formazione gessoso-solfifera”.


Fiume Amato. Bonifica delle aree abbandonate e realizzazione di un parco fluviale lungo il corso dello stesso, attraverso la mitigazione del rischio di esondazione, il recupero della qualità ecologica e la valorizzazione delle aree rurali prossime al corso del fiume.

Serra dell’Acqua. Rimboschimento forestale del costone che si affaccia sul centro abitato di Marcellinara.

Area Cimiteriale. Riqualificazione dell’Area Cimiteriale esistente, attraverso il recupero delle aree verdi, delle tombe più antiche e storiche, e ampliamento della stessa con l’edificazione di nuovi loculi ed edicole funerarie, installazione di arredi cimiteriali, realizzazione di nuove fontane, piantumazione di cipressi e installazione fioriere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *